Dettagli

  • Servizio: Advisory, Corporate Finance
  • Industria: Financial Services, Banche
  • Tipo: Survey report
  • Data: 01/08/2012

Contatti KPMG

Contatti KPMG
Giuseppe Latorre

Partner, Responsabile Financial Services 

+39 02 67631 

Le banche e la grande crisi 

Nel 2011 le banche italiane hanno registrato perdite per 25,5 miliardi di euro. Sul risultato complessivo pesano soprattutto le svalutazioni degli avviamenti. Sono questi i risultati principali che emergono dalla periodica analisi KPMG sui bilanci dei principali gruppi bancari italiani.

Utili / perdite di pertinenza della capogruppo, valori assoluti (Euro mld)

Alternative content

 

Lo scenario macroeconomico recessivo e la crisi dei debiti sovrani hanno avuto pesanti ripercussioni sulla qualità degli attivi: nell’ultimo anno si registra, infatti, un aumento dei crediti deteriorati netti del 12,5% (nel 2011 pari a 120 miliardi di euro).

Crediti deteriorati netti (Euro mld) e variazione percentuale (2011 vs 2008)

Alternative content


Peraltro proprio la gestione dei crediti non performing sarà il vero banco di prova sul quale le banche dovranno dimostrare la loro capacità di tenuta.

La "grande" crisi impone, dunque, agli intermediari nuove prioritá strategiche e un ripensamento del modo di ‘fare banca’ attraverso la ridefinizione dei modelli distributivi, l’identificazione di nuovi servizi e aree di business.

Visualizza i principali indicatori del sistema bancario italiano

Margine di intermediazione

70,5 miliardi +1,0%

Costi operativi

47,6 miliardi +5,1%

Utile

-25,5 miliardi n.s.

Crediti deteriorati

120,2 miliardi +12,5%

Capitale di primo livello (Tier 1)

136,7 miliardi +10,6%

Cost/Income Ratio

68% +2,6%

 

Le banche e la grande crisi: risultati e nuove priorità

Flash report - Aggiornamento semestrale